Mantova, ‘maresciallo dei carabinieri morto per vaccino Astrazeneca’: ma c’è richiesta di archiviazione

0
4804
Pubblicità

Il maresciallo dei carabinieri di Mantova Pietro Taurino a marzo potrebbe essere morto a causa di effetti collaterali dovuti alla somministrazione del vaccino Astrazeneca, ma nei giorni scorsi è arrivata la richiesta di archiviazione da parte della Procura.

Pubblicità

Come riportato da MantovaUno, i consulenti nominati dalla Procura nella loro relazione hanno dichiarato che c’è una correlazione tra l’assunzione del vaccino sviluppato dalla casa biofarmaceutica anglo-svedese e l’Università di Oxford con la formazione dei trombi a livello cerebrale. Il procuratore capo Manuela Fasolato e il sostituto Giulio Tamburini avevano affidato un incarico peritale a tre esperti che sono specializzati nel settore delle trombosi cerebrali e in ambito medico legale.

L’autopsia aveva accertato che il carabiniere di Mantova fosse morto per trombosi venosa cerebrale. In relazione all’indagine, sono stati fondamentali i prelievi ematici eseguiti prima e dopo la morte del maresciallo, in quanto è emersa la presenza di “porpora trombocitopenica”, ovvero piccolissimi coaguli di sangue che bloccano l’apporto del sangue agli organi vitali come cervello, reni e cuore.

Il carabiniere godeva di ottima salute e nei giorni successivi alla vaccinazione con Astrazeneca sembrava stare bene, ma dopo 6 giorni ha accusato forti mal di testa che non gli hanno impedito di recarsi a lavoro. Improvvisamente le sue condizioni si sono aggravate, è stato portato al pronto soccorso, dove è stato sottoposto subito ad una Tac che ha evidenziato la presenza di una trombosi cerebrale. I medici però non sono riusciti a salvarlo.

Dopo la morte del sottufficiale la Procura di Mantova ha aperto un’inchiesta che si è chiusa con la richiesta di archiviazione per omicidio colposo. Dovrà prendere una decisione il gip, ma – secondo quanto riportato da MantovaUno – pesa quanto indicato nell’articolo 3 del decreto 44/2021, il cosiddetto “scudo penale” per il quale medici e infermieri non sono punibili per omicidio colposo. 

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui