Covid Italia, Aie: ‘Situazione in rapida evoluzione negativa’

0
1091
Pubblicità

Gli ultimi dati epidemiologici sul coronavirus in Italia segnalano una “situazione in rapida evoluzione negativa”. 

Pubblicità

Questa la stima del Gruppo di lavoro ‘Made’ dell’Associazione italiana di epidemiologia (Aie) che indica “una significativa accelerazione nella diffusione dei contagi che, a parità di condizioni, potrebbe portare tra due settimane 5 regioni a superare la soglia del tasso di incidenza settimanale di 250 casi per 100mila: sono (Veneto, Friuli Venezia-Giulia, Valle d’Aosta, Liguria e la provincia autonoma di Bolzano. Altre 8 avranno un’incidenza sopra i 150 casi per 100mila”. 

L’ultimo report di monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità (Iss), relativo alla settimana 1-7 novembre, “registra un aumento rapido e generalizzato del numero di nuovi casi di infezione da Sars-Cov-2, che si accompagna anche a un incremento dei ricoveri ospedalieri”, prosegue l’Aie. L’indice di replicazione diagnostica Rdt a livello nazionale, stimato dall’Aie sui dati del 13 novembre, è pari a 1.42 e superiore all’unità in tutte le regioni. “Nelle fasi iniziali di crescita della curva epidemica, l’incidenza è cresciuta prima nelle fasce di età pediatriche, in particolare nei soggetti di età inferiore a 12 anni”, ma i dati dell’ultima settimana analizzati dall’Aie “evidenziano che ormai tutte le classi di età sono interessate da un aumento dei casi positivi”.

Tra le priorità per la gestione dell’attuale fase pandemica “deve essere individuata la prevenzione delle infezioni tra i soggetti di età inferiore a 12 anni, per i quali la vaccinazione non è ancora disponibile, sia per proteggerli dai contagi, sia per scongiurare situazioni che possano interrompere la continuità scolastica e recare nuovamente danno alla vita relazionale”, raccomanda l’Aie.

“Rispetto all’autunno scorso, il rilassamento di alcune misure di prevenzione sta portando ad un aumento dell’incidenza di sindromi influenzali, in particolare nelle fasce di età 0-4 anni, che certamente complica e aggrava il lavoro di inquadramento diagnostico e di gestione dei casi”, avverte l’Aie.

Nell’attuale fase della pandemia di Covid-19 “tutte le classi di età sono interessate da un aumento dei casi positivi” e, “rispetto alle precedenti ondate, aver garantito complessivamente una buona copertura vaccinale (84 per cento della popolazione over 12 anni), insieme alle misure di protezione adottate, ha sino ad ora consentito di contenere la pandemia ai livelli d’incidenza tra i più bassi d’Europa. Ma i dati mostrano una situazione in rapida evoluzione negativa”, sottolineano gli epidemiologi.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui