Roma, Diaco: «Dopo tanti anni sostituiti i cassonetti della differenziata grazie a Raggi. Qualcuno si sta già rivendendo l’operazione come propria»

1
3280
Pubblicità

«Dopo tanti anni finalmente vengono sostituiti i cassonetti della differenziata a Roma: un’operazione ovviamente avviata dall’amministrazione Raggi, che qualcuno si sta già rivendendo come propria. Cosa che, chiaramente, non è affatto vera».

Pubblicità

Così su Facebook l’esponente del M5S Roma, Daniele Diaco.

«Le buone pratiche le abbiamo iniziate sempre e soltanto noi, adesso la semina tocca a qualcun altro: ma noi siamo comunque felici che la cittadinanza capitolina possa godere di questi ottimi frutti del nostro duro e sudato lavoro portato avanti nella precedente consiliatura», ha ricordato l’esponente 5Stelle.

Raccolta rifiuti Roma, Gualtieri: ‘Siamo molto soddisfatti’. Diario (M5S): ‘Ci crede davvero o ci prende in giro?’

Angelo Diario in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook ha riportato le parole del sindaco di Roma Roberto Gualtieri a proposito del piano straordinario per la raccolta dei rifiuti.

“Sindaco, un commento sul suo piano straordinario per la raccolta dei rifiuti? ‘Siamo molto soddisfatti’ In che senso, ci spieghi meglio? ‘Siamo venuti a vedere i lavori della pulizia straordinaria, che stanno avvenendo col nuovo metodo integrato che abbiamo introdotto: pulizia, spazzamento delle strade, cura del verde e poi subito dopo la pulizia delle caditoie. Insomma è un bellissimo lavoro!’” ha affermato Gualtieri.

“E i cittadini secondo lei come stanno reagendo? ‘I cittadini stanno collaborando, sono soddisfatti e molto attivi. Quindi, insomma, anche da questo aspetto (che è fondamentale) della collaborazione e partecipazione dei cittadini, siamo molto soddisfatti’” ha detto ancora il sindaco.

“Secondo voi ci crede davvero o ci prende in giro?” è il commento dell’esponente pentastellato.

Pubblicità

1 commento

  1. ovvio no? Se ci fosse una stampa libera da legami incestuosi con la politica che la finanzia con soldi pubblici, ci sarebbero giornali e giornaloni con titoli e titoloni con cui avvertirebbero i cittadini italiani delle fregature ordite dalla politica.
    Spiegatelo a quei connazionali che votano Lega, FI, IV, PD, FdI.

    Tutti zitti TG, talk shows e giornali in merito al disegno di legge in cui la “politica” ha deciso di far assorbire dall’INPS il sistema previdenziale privato dei giornalisti in fallimento per 225 di milioni di euro che pagheremo noi cittadini, ma non solo, l’INPS pagherà importi pensionistici mediamente più alti ai “giornalisti” rispetto alle pensioni di ex dipendenti pubblici o privati a parità di contributi.
    Bell’Italia vero?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui