Rai, Travaglio: ‘Hanno deciso scientemente di sterminare il M5S e di togliere il direttore del Tg1 in nome della meritocrazia’

3
4860

“In merito alla scelta di non partecipare ai talk show Rai, il Movimento 5 Stelle ha ricevuto critiche immotivate e strumentali. La situazione è molto chiara: c’è ben poco da gioire per le nomine effettuate nelle scorse ore e soprattutto per la metodologia usata. Noi siamo per una Rai libera dai partiti e l’abbiamo sempre dimostrato”.

Così la deputata M5s Francesca Flati, presente in Commissione Vigilanza Rai, in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook, condividendo il video di un intervento di Marco Travaglio, che ha spiegato: “La lottizzazione prevede che si calcoli il peso politico di ogni forza in base agli eletti che ha in parlamento e si dia loro un peso proporzionato. Fuortes ha preso la lottizzazione, ha sistemato uomini di Draghi, del Pd, di Renzi, di Gentiloni, che è potentissimo anche se non conta niente nel Paese, nessuno voterebbe mai Gentiloni, così come Renzi che non ha nessun voto ma è molto potente nei palazzi”.

Fuortes, ha proseguito Travaglio, “ha nominato i leghisti, uno della Meloni, e l’unico partito che è completamente rimasto fuori dalle lottizzazioni è il partito di maggioranza relativa, cioè il M5S. La loro colpa è di non avere il 51 per cento e di non aver potuto fare la legge che liberava la Rai dai partiti cioè dal controllo governativo” ha osservato il direttore de Il Fatto Quotidiano.

“Sulla Rai – ha continuato – ha deciso l’uomo messo da Draghi che si chiama Fuortes e che ha rispettato le richiesta di Pd, Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia ecc ecc, tranne quelle del partito di maggioranza relativa. Come si fa a dire che è colpa degli esclusi? Ha deciso Fuortes, ha deciso scientemente su mandato di Draghi e di quelli che per Draghi seguivano questa partita e che sono Garofoli e Funiciello, di sterminare il M5S e di togliere il direttore del Tg1 in nome della meritocrazia”.

3 COMMENTS

  1. questo è il potere del sistema partitocratico coacervo di interessi personali e antinazionali. L’Italia è nelle mani di gruppi, lobby e logge diverse ma con i medesimi interessi di agguantare il potere politico mantenendolo ad ogni costo, eliminando chiunque si intrometta e desideri applicare la Costituzione per ripristinare la legalità, chi sono questi gruppi, lobby e logge? Semplice! Quelli che uniscono nelle proprie disponibilità tre poteri fondamentali: politico esecutivo, economico/finanziario e mass mediatico, vale a dire conflitto d’interessi che nessun partito in 75 anni di repubblica ha mai risolto per convenienze personalistiche, unica compagine politica in grado di eliminare l’origine delle metastasi cancerogene di cui l’Italia è ammorbata è ancora il M5S, prova è l’attacco politico e mediatico senza precedenti storici.
    Adesso il M5S deve dimostrare d’avere gli attributi minacciando il partner fedifrago PD con il divorzio per aver amoreggiato con un semplice amm. delegato di un ente statale, in pratica un funzionario non eletto in nessun partito estromette un movimento politico regolarmente eletto nelle due camere parlamentari con una maggioranza relativa!!!! Se questo non è abuso di potere cos’altro può essere?

  2. GUALTIERI,UN INCOMPETENTE INCAPACE CHE VUOLE GOVERNARE ROMA AUMENTANDOSI DEL DOPPIO LO STIPENDIO E NON SAPRA’ MAI COSA FARE !!!!!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here