Covid, leader no vax ricoverato in ospedale: tornava da Medjugorje

2
2688
Pubblicità

Lorenzo Damiano, uno dei volti più noti del popolo no vax e no pass della Marca è stato ricoverato in ospedale a Vittorio Veneto, dopo essere stato contagiato dal Covid in forma grave.

Pubblicità

Damiano, che nega l’esistenza stessa dell’epidemia, si è candidato come sindaco a Conegliano a ottobre con una lista espressamente no vax e ha fondato il movimento Norimberga 2 per giudicare i presunti colpevoli della pandemia. Presidente dell’associazione ultracattolica Pescatori di Pace, era tornato da pochi giorni da Medjugorje e non è escluso che il contagio possa essere avvenuto lì, date le tempistiche dell’infezione.

La cittadina è in un’area critica dal punto di vista dei contagi: i Balcani registrano numeri molto elevati. «Come sapete sono venuto qui per vedere un terreno da acquistare – raccontava in un video l’11 novembre -. La prossima settimana tornerò per chiudere l’accordo per realizzare una sede dell’associazione dei Pescatori di Pace, tenetevi pronti». Damiano si trova ora in un reparto sub intensivo, e richiede ossigeno perché la malattia, inizialmente curata a domicilio, si è aggravata. Aggiorna i suoi amici su Facebook dove ha pubblicato due immagini religiose sotto le quali le persone gli rivolgono delle preghiere. Qualche utente gli fa notare che forse il Covid non è un complotto come pensava, ma una malattia pericolosa che ha sperimentato sulla sua pelle, quindi dovrebbe rivedere le proprie teorie negazioniste. I medici sono fiduciosi che possa migliorare.

Damiano era stato fra gli ospiti principali di uno degli eventi in piazza dei Signori a Treviso, dove aveva criticato il «Nuovo ordine mondiale» e aveva insinuato che fosse una cospirazione. Damiano ha al suo attivo diverse candidature con movimenti differenti (con Alessandra Moretti e il centrosinistra alle regionali, con Forza Nuova alle Europee, da indipendente ultracattolico e no vax alle comunali). Alle amministrative di Conegliano non aveva potuto partecipare ai dibattiti fra candidati sindaco perché non avendo il green pass non era autorizzato ad entrare nei teatri degli incontri.  

Pubblicità

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui