Daniele Giovanardi non vaccinato e sospeso dai medici: ‘Se non è morto Berlusconi perché dovrei avere paura’

0
14749
Pubblicità

“Io non ho paura di morire di Covid, se sono sopravvissuti al virus Silvio Berlusconi e Boris Johnson perché io dovrei avere paura?”.

Pubblicità

Lo ha detto l’ex direttore del pronto soccorso del Policlinico di Modena, Daniele Giovanardi, fratello gemello dell’ex senatore Carlo. Il primo continua a non volersi sottoporre al vaccino anti covid anche di fronte all’obbligo imposto ai medici come lui. Per questo motivo, è stato formalmente sospeso dall’Ordine dei Medici decretando per lui lo stop all’attività che il medico continuava ad esercitare in forma privata. 

“Io sono stato esentato dal vaccino ma son stato comunque sospeso” ha sostenuto, aggiungendo di aver presentato tutti i documenti comprovanti la sua cagionevole salute fisica che gli renderebbero impossibile adempiere all’obbligo vaccinale.

In un’ intervista a La pressa, Daniele Giovanardi ha rivelato di aver ricevuto la lettera dall’Ordine dei medici di Modena con la quale il presidente Carlo Curatola lo “sospende dall’esercizio della professione fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale”. La lettera, a suo dire, sarebbe arrivata senza che nessuno dei colleghi medici abbia provveduto a verificare la correttezza della procedura per l’esenzione stessa. “A settembre ho avuto una esenzione per patologia documentata da una collega siciliana, l’ho comunicato all’Ufficio di igiene e poi al mio medico di famiglia ma non ho ottenuto risposta. Io ho telefonato più volte e dopo 3 raccomandate e 3 invii di Posta elettronica certificata, non ho avuto nessun riscontro. Mi avrebbero dovuto almeno prima visitare invece mi hanno sospeso” ha raccontato Giovanardi.

L’ex primario è stato vittima qualche anno fa di una trombo-flebite, che ritiene incompatibile con la vaccinazione. “Io ho certificati medici che testimoniano la mia grave patologia. Peccato solo per i miei pazienti che vaccinavo a domicilio, circa una cinquantina, che visitavo a casa. Adesso non potrò più farlo. Io credo che bisognerebbe vaccinare anziani e fragili e lasciar correre il virus tra i giovani, che in questo modo acquisiscono l’immunità. Ritengo di avere il diritto a non essere vaccinato, preferisco correre il rischio di contrarre il virus piuttosto che farmi la puntura” ha affermato.

“Mio fratello ha sempre negato di essere un no vax. Ha espresso perplessità sul Green pass e sul vaccino ai bambini, questo sì. Lui ha indicato di avere una patologia, all’Ausl, che lo ha portato a decidere di non vaccinarsi, e credo che in un rapporto di trasparenza l’Ausl avrebbe dovuto rispondergli nel merito, dicendogli se doveva comunque vaccinarsi o meno. Questo non è accaduto, invece della risposta dell’Ausl è infatti arrivata la sospensione dall’ordine dei medici”, così l’ex senatore Carlo Giovanardi ha commentato la sospensione del fratello Daniele dall’ordine dei medici.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui