Dipendente delle Poste fa sparire 500mila euro ai clienti: ‘Sono ludopatica’

0
5325
Pubblicità

Dirottava i soldi dei clienti dell’ufficio postale dove lavorava sui propri conti. Ma dopo diverse segnalazioni e dopo aver sottratto dai libretti di deposito e risparmio di una decina di clienti circa mezzo milione di euro, è stata scoperta. 

Pubblicità

Si tratta di un’ex dipendente delle Poste di Napoli, zona Castel Capuano, ora indagata con l’accusa di peculato. Si è giustificata sostenendo di essere affetta da ludopatia. 

La donna dirottava il denaro sostituendo il libretto in possesso dall’azienda (per esaurimento delle righe destinate alla registrazione delle operazioni) senza fornire la nuova copia al cliente che non aveva la possibilità di sapere che sarebbe stato vittima di un furto. L’ormai ex dipendente, in più movimento spostava i soldi dell’ignaro cliente verso altri conti, anche con plausibili giustificazioni.

Gli accertamenti della Polizia di Stato, coordinati dalla Procura di Napoli, proseguono per chiarire tutti i dettagli della vicenda, anche in relazione alla morte, per suicidio, del fratello dell’indagata.

Quest’ultimo, prima di togliersi la vita, ha lasciato un biglietto nel quale faceva sapere ai suoi parenti di avere deciso di compiere l’insano gesto perché ormai incapace di sostenere la pressione dei debiti. Il suicidio dell’uomo è avvenuto proprio quando la donna è finita sotto indagine, quindi non si esclude che la sorella lo sostenesse e che la decisione di levarsi la vita sia stata presa quando quel flusso di denaro si è interrotto.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui