Quirinale, Travaglio: ‘Figure ‘super partes’? Non esistono, lo sono solo i morti’

1
5110
Pubblicità

Giuliano Amato il miglior candidato alla presidenza della Repubblica? Spero che non venga mai eletto”. 

Pubblicità

Così, a “Otto e mezzo” (La7), il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, replicando allo scrittore Gianrico Carofiglio, che indica Amato come miglior candidato per ill Colle, aggiungendo che secondo lui non sarà mai eletto.

“È stato il braccio destro di Craxi, è quello che ingegnerizzò le prime leggi ad personam per le televisioni di Berlusconi nell’83-84, si è ritirato dalla politica 80 volte e ci è rientrato 81 volte. È, insomma, il peggiore simbolo della restaurazione della vecchia casta. Sarebbe un segno dell’Italia che ritorna agli anni ’80, altro che rinnovamento dell’Italia che cambia. La sua elezione sarebbe devastante anche dal punto di vista simbolico” ha aggiunto Travaglio. 

Travaglio ha replicato anche alla conduttrice Lilli Gruber che auspicherebbe ad un candidato super partes: “Non esiste nessuno ‘super partes’. Pertini non era mica ‘super partes’. Cossiga idem. Napolitano veniva dal Pci. Mattarella era della sinistra Dc e si dimise quando Craxi, Amato e Andreotti fecero la legge Mammì su misura per Berlusconi. Nessuno è ‘super partes’ quando arriva. Se è un presidente della Repubblica degno, lo diventa quando si siede lì. Non esistono candidati presidenti alla Repubblica ‘super partes’. ‘Super partes’ sono i morti. Ognuno viene dalla sua parte, poi se interpreta bene la funzione si fa rispettare da tutti” ha concluso.

Pubblicità

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui