Dimessa a Capodanno, muore il giorno dopo: aperta indagine

0
9287
Pubblicità

La magistratura dovrà far chiarezza sulla morte di Teresa D’Auria, per tutti Terry, la ragazza di Casoria, nel Napoletano, morta al San Giovanni di Dio di Frattamaggiore la mattina del 2 gennaio.

Pubblicità

Era arrivata in ospedale in ambulanza, e dalla stessa struttura era stata dimessa il giorno prima con prognosi di pochi giorni per coliche addominali. La salma è stata sequestrata per l’autopsia.

La 29enne, nata a San Giorgio a Cremano e residente con la famiglia a Casoria, comune a nord di Napoli, aveva cominciato ad accusare nella notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio forti dolori addominali, tanto che il padre aveva ritenuto opportuno accompagnarla al San Giovanni di Dio. In ospedale i medici assicurarono alla famiglia che si trattava di coliche,  prognosi di 5 giorni. Terry era stata dimessa ed era tornata a casa ma le sue condizioni non erano migliorate.

La mattina del 2 gennaio, a meno di 24 ore dalla dimissione, i dolori sono diventati insopportabili e la 29enne è stata riportata al San Giovanni Di Dio di Frattamaggiore. È morta poco dopo, per cause che al momento restano in accertamento. I genitori hanno sporto denuncia presso i carabinieri, che hanno avviato le indagini. Su disposizione della Procura di Napoli Nord, che ha aperto un fascicolo sulla vicenda, è stata acquisita la cartella clinica di Terry, coi dati del primo accesso in Pronto Soccorso e del ricovero del giorno successivo, e il corpo è stato trasferito all’ospedale San Giovanni Di Dio per l’autopsia, che si terrà nei prossimi giorni.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui