Morsa due volte dal ragno violino: muore improvvisamente dopo due mesi di cure

0
9350
Pubblicità

A Gabicce Mare, in provincia di Pesaro e Urbino, è improvvisamente venuta a mancare una donna di 46 anni, Cristina Calzoni, davanti al compagno che ha inutilmente tentato di salvarla.

Pubblicità

Sulle cause del decesso saranno svolti ulteriori accertamenti medico legali per stabilire se il malore improvviso possa essere una conseguenza, seppur indiretta, di due morsi di ragno violino di cui la donna era stata vittima nei mesi scorsi. 

Come ricostruisce Il Resto del Carlino, da circa due mesi la donna si sottoponeva ad alcune cure che le erano state prescritte per alleviare gli effetti dei morsi di ragno violino alla schiena di cui era stata vittima in due occasioni.

Convinta animalista e appassionata di animali, Cristina era solita dar da mangiare anche a una colonia di gatti randagi dove sarebbe stata morsa la prima volta da un ragno nel settembre scorso. In quel posto ci era ritornata più volte fino a novembre quando è stata punta di nuovo alla schiena da un ragno. A questo punto sarebbero iniziati i primi problemi di salute perché i fastidi del morso non son scomparsi facilmente come la prima volta. A questo punto si sarebbe rivolta ai medici e iniziato una terapia più pesante anche per alleviare il dolore, ma venerdì scorso è morta improvvisamente tra le braccia del compagno. “La mia amata Cristina mi ha dato l’ultimo bacio. Grazie per esserci stata, dolce leonessa” ha scritto l’uomo in un post su Facebook che ha raccolto centinaia di messaggi di cordoglio. 

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui