L’ex M5S Giorgio Trizzino riceve telefonata da Sgarbi e Berlusconi: il racconto

0
2483
Pubblicità

«Vecchio mio, scusa l’orario, sono Vittorio. Come stai?», è domenica scorsa, poco dopo le 21.30 quando Giorgio Trizzino, ex Movimento 5 Stelle, riceve una telefonata da Vittorio Sgarbi.

Pubblicità

L’ex pentastellato ha raccontato: «Mi ha detto che mi passava un caro amico, e per i primi minuti di conversazione ero convinto che fosse Emilio Carelli. Quando però ha iniziato ad esaltare il ruolo e l’importanza di Vladimir Putin ho capito che era Silvio Berlusconi».

Di Quirinale, però, non se n’è parlato: «Mai affrontato l’argomento. È stato assai delicato nella conversazione. Mi ha illustrato il suo programma politico, la sua idea di economia, ha poi fatto un passaggio sull’Europa dicendosi convinto che ci vorrebbe una difesa comune della Ue. E rivendicando di essere stato uno dei più convinti assertori dell’allargamento dell’Europa. Devo ammettere, un programma articolato e interessante. Mi ha poi colpito quando si è soffermato sul fine vita e sul disegno di legge su cui io mi sto assai spendendo chiedendomi a che punto fosse la discussione in Parlamento. È abile nel farti sentire una persona importante. Ho considerato la telefonata un atto di attenzione. Siamo rimasti che ci incontreremo a Roma, così da poterci conoscere», ha detto Trizzino.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui