Rai, Bassetti spiega alla conduttrice di ‘Oggi è un altro Giorno’ Serena Bortone perché non dovrebbe portare la mascherina

0
7135
Pubblicità

Matteo Bassetti è intervenuto a “Oggi è un altro giorno”, trasmissione di Rai Uno condotta da Serena Bortone.

Pubblicità

Nel corso del suo intervento, l’esperto si è rivolto direttamente alla conduttrice spiegando perché non dovrebbe condurre con la mascherina Ffp2. Bortone da giorni sta indossando il dispositivo di sicurezza sul volto perché è entrata in contatto con una persona che si è rivelata positiva. Bassetti le ha però detto: «Lei non ha avuto un contatto diretto. Questa persona aveva la mascherina e addirittura la visiera. Allora io dovrei vivere con la mascherina perché tutti i giorni incontro un positivo. La gente non ne può più di queste regole, non le comprende. Cerchiamo di uscire dalla burocratizzazione del Covid. Misure che oggi sono anacronistiche».

L’infettivologo durante la puntata ha affermato che secondo lui si dovrebbe uscire dalla burocratizzazione del Covid: “Un mese prima di Natale dissi di andare verso una semplificazione. Il CDC di Atlanta è stato molto chiaro sulla riduzione delle quarantene e anche da parte di noi italiani serve un approccio meno complicato. Anche per noi medici è veramente difficile districarci tra tutte queste regole, dobbiamo valutare queste norme inutili. Per chi ha tre dosi di vaccino sono superflue”.

Il direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale policlinico “San Martino” di Genova ha poi affrontato sul concetto di asintomatico: “Noi non sappiamo se il virus che troviamo nel naso delle persone tamponate sia vivo o già morto. Oggi che abbiamo l’82,5% degli italiani vaccinati e ne abbiamo un buon 10% che ha fatto la malattia, dobbiamo capire che siamo protetti dalle forme più gravi. Sugli asintomatici ci vuole un ragionamento differente da quello che facciamo con chi è sintomatico. Se non tamponassimo tutti gli italiani, molti asintomatici non li troveremmo”.

Bassetti ha anche sottolineato che la pandemia di Covid-19 non si esaurirà a breve, anzi, i contagi tenderanno ad aumentare nelle prossime settimane: “Il virus stracircola e circolerà sempre di più. In 7 giorni la variante Omicron in Italia sarà al 100% ed è molto più contagiosa della variante Delta. È evidente che sono di più le persone positive, ma non significa che siano malate”.

L’infettivologo ha ricordato di avere chiesto, senza successo, di introdurre l’obbligo vaccinale a ottobre-novembre 2021: “Al San Martino abbiamo oltre l’80% dei non vaccinati in terapia intensiva. Senza no vax avremmo duecento malati nelle terapie intensive di tutto il Belpaese e sarebbe un numero talmente piccolo che non si potrebbe certo parlare di emergenza”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui