Grillo indagato, Toninelli: ‘Parlano i fatti: quando sono arrivato al ministero ho detto ai concessionari che si sarebbero sognati le proroghe’

0
3664
toninelli
Pubblicità

“Non ho mai aiutato alcun concessionario nella mia azione di ministro. Con Moby e Tirrenia parlano i fatti per il sottoscritto: zero proroghe delle concessioni e gare pubbliche”.

Pubblicità

Così il senatore M5S Danilo Toninelli, ex ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, parlando con i cronisti nei pressi di Palazzo Madama.

Da Grillo “non ho mai ricevuto pressioni o richieste di favori per aiutare questo, i Benetton, un altro concessionario, e neanche Onorato. Lo testimoniano i fatti, l’indirizzo politico portato avanti al ministero, che non era nell’interesse di Onorato ma nell’interesse generale”.

“Onorato – ha proseguito Toninelli – voleva mantenere la concessione, scaduta nel 2020. Quando sono arrivato al ministero ho detto ai concessionari che si sarebbero sognati le proroghe. Diedi l’indirizzo alla Direzione generale del ministero di preparare le carte per fare una nuova gara. E Onorato era uno dei partecipanti, non l’aggiudicatario della gara”.

Grillo indagato, Ferrara (M5S): «I quotidiani danno enorme risalto all’indagine, ma non si scandalizzano che il centrodestra vuole eleggere un condannato per frode fiscale al Quirinale»

«La magistratura farà il suo corso e va rispettato il ruolo, ma la fiducia nei confronti di Beppe Grillo è piena. Beppe, da quando ha iniziato a fare politica, ci ha solo perso economicamente. Il suo obiettivo è sempre stato il bene comune».

Lo ha scritto in un post su Facebook il senatore del M5S, Gianluca Ferrara.

«Ciò che dovrebbe far riflettere è che i maggiori quotidiani italiani, che oggi danno enorme risalto a questa indagine, nei giorni scorsi non si sono scandalizzati che il centro destra vuole eleggere alla massima carica dello Stato, un piduista condannato per frode fiscale che secondo i giudici della Cassazione ha pagato la mafia. Questa incoerenza mi fa pensare alla parabola evangelica della trave e della pagliuzza», ha concluso Ferrara.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui