Franco Trinca, la procura di Perugia indaga sulla morte del biologo no vax

0
2411
Pubblicità

La procura di Perugia indaga sulla morte di Franco Trinca, biologo no-vax. In una nota la procura del capoluogo umbro ha precisato che “è stato disposto un accertamento tecnico irripetibile al fine di verificare l’effettiva causa di morte del dottor Trinca, in quanto era risultato, da altre indagini in corso, destinatario di esenzione dalla somministrazione del vaccino”.

Pubblicità

In particolare “l’accertamento si è reso necessario – si legge nella nota firmata dal procuratore capo Raffaele Cantone – per comprendere se le situazioni che avevano giustificato l’esenzione fossero effettive e, in caso contrario, se il decesso, eventualmente dipendente da Covid, potesse essere ricollegabile all’omessa somministrazione del vaccino”.

Morto di Covid il biologo no vax Franco Trinca

Il biologo Franco Trinca, tra i coordinatori del Movimento «Uniti per la libera scelta» composto da varie associazioni no vax, è morto all’ospedale di Città di Castello. La notizia nelle scorse settimane è stata riportata da diversi siti locali e nazionali. Il biologo, non vaccinato, era ricoverato all’ospedale di Perugia da circa due settimane a causa di una polmonite bilaterale causata dal SarsCov2.

Trinca era noto per le sue idee critiche sulla campagna vaccinale anti-Covid: sosteneva l’efficacia dell’idrossiclorochina e dei farmaci con vitamina C per curare i malati Covid, nonostante l’efficacia di questi prodotti sia stata smentita da diversi studi.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui