Morte biologo No vax Franco Trinca: indagato il medico che gli firmò l’esenzione dal vaccino

0
3335
Pubblicità

Il medico di base che esentò dal vaccino il biologo nutrizionista No vax Franco Trinca, poi morto di Covid, è stato iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo. “Io ho rilasciato al dottor Trinca una esenzione in scienza e coscienza – ha spiegato – e lo rifarei senza dubbio. Di certo non ho emesso quel certificato per le sue posizioni sul vaccino”. Il biologo era tra i coordinatori del movimento “Uniti per la libera scelta” contrario al vaccino.

Pubblicità

“Trinca – ha aggiunto il suo medico – aveva delle chiare condizioni che potevano portare all’esonero e la sua certificazione è stata accolta anche dall’Istituto superiore di Sanità che l’ha valutata dopo l’apertura del procedimento disciplinare nei suoi confronti da parte dell’ordine dei biologi in quanto non vaccinato. In quel momento la certificazione è stata ritenuta idonea. Lui è mio paziente da tantissimi anni non è venuto da me per avere l’esenzione”. Quando è stato ricoverato, ha detto ancora, “ha rifiutato i monoclonali, poi li ha accettati qualche giorno dopo, ma ormai era tardi per quel trattamento e ne ha rifiutati anche altri”.

La procura di Perugia aveva reso noto nei giorni scorsi che è stata eseguita a Roma l’autopsia sul corpo di Trinca “al fine di verificare l’effettiva causa di morte”. Secondo l’Ufficio guidato da Raffaele Cantone il biologo “era risultato, da altre indagini in corso, destinatario di esenzione dalla somministrazione del vaccino” e in particolare l’accertamento autoptico – aveva spiegato la procura in una sua nota – “si è reso necessario per comprendere se le situazioni che avevano giustificato l’esenzione fossero effettive e, in caso contrario, se il decesso, eventualmente dipendente da Covid, potesse essere ricollegabile all’omessa somministrazione del vaccino”.

Trinca era noto per le sue idee critiche sulla campagna vaccinale anti-Covid: sosteneva l’efficacia dell’idrossiclorochina e dei farmaci con vitamina C per curare i malati Covid, nonostante l’efficacia di questi prodotti sia stata smentita da diversi studi.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui