Ucraina, Feltri: ‘L’eroismo serve solo a riempire le lapidi, bisogna persuadere il popolo ucraino che la situazione è destinata a peggiorare’

1
5833
Pubblicità

“Mi sembra indispensabile ora fornire degli aiuti umanitari al popolo ucraino, ma fornire degli aiuti in termine di armamenti, cannoni e aeroplani significa soltanto prolungare l’agonia di questo Paese. L’eroismo serve solo a riempire le lapidi dei morti. Non ho mai visto una guerra tenera, le guerre prevedono caos, distruzione, morte. Anche le guerre lampo non esistono, esiste soltanto la brutalità e vince chi possiede armi più potenti”.

Pubblicità

Vittorio Feltri, ospite a L’aria che tira il talk in onda su La7 e condotto da Myrta Merlino, ha commentato così la situazione in Ucraina, dopo che siamo entrati nel 22esimo giorno di guerra con la Russia.

“La cocciutaggine che porta al cimitero non è utile, bisogna persuadere il popolo ucraino che la situazione è destinata a finire di giorno in giorno sempre peggio”, ha proseguito ancora Feltri che non è d’accordo con chi sostiene che l’Ucraina debba rispondere alle armi con le armi.

“Si rischia altrimenti di moltiplicare i danni per l’Ucraina, perché sono danni molto sostanziosi anche in termini di vite umane. Se si rimane indifferenti a questo, allora applaudiamo, andiamo avanti, gridiamo viva la resistenza ucraina, viva l’eroismo, ma l’eroismo serve solo a riempire le lapidi dei morti”, ha detto ancora Feltri, secondo il quale Zelensky dovrebbe arrendersi.

“Le guerre non sono mai simpatiche. L’unico modo per farle finire è che il contendente più debole si renda conto della propria debolezza e a un certo punto chieda la sospensione dei combattimenti”, ha detto infatti Feltri pochi giorni fa a ‘Stasera Italia’, su Rete4.

“L’Ucraina sta sbagliando a difendere l’indifendibile”, ha continuato il giornalista, secondo il quale l’esercito russo è notevolmente più forte e per questo in grado di resistere.

Feltri è convinto che Zelensky debba dimettersi e mettere la parola fine al conflitto: “Mi domando per quale motivo non si renda conto delle sue difficoltà e non cessi di sottoporre il suo popolo a sofferenze inenarrabili”.

Pubblicità

1 commento

  1. Zelensky o come cavolo si chiama, e’ un guitto assassino messo li’ appunto per “produrre” una montagna di morti. E null’altro. A lui non importa nulla della guerra e di cosa comporta. E’ li’ perche’ MESSO LI’ con il colpo di stato del 2014 apposta per cio’ che stanno facendo. Il resto…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui