Lavrov: ‘Alcune dichiarazioni di politici e media italiani, sono andate oltre le buone norme diplomatiche e giornalistiche’

0
2020
Pubblicità

“Alcune dichiarazioni di politici e media italiani, sono andate oltre le buone norme diplomatiche e giornalistiche”. Così il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, intervistato su Rete 4. “L’Italia- ha aggiunto – è in prima fila tra coloro che adottano e promuovono le sanzioni anti-russe: per noi è stata una sorpresa, eravamo abituati all’idea che l’Italia, grazie alla sua storia, sapesse distinguere il bianco dal nero”.

Pubblicità

Ucraina, Lavrov: “non acceleriamo le operazioni per terminare il 9 Maggio”

“La Russia non mira ad affrettare il completamento dell’operazione speciale in Ucraina entro il 9 maggio, Giorno della Vittoria contro il nazismo”. Così il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, intervistato su Rete 4, “I nostri militari non adatteranno artificialmente le loro azioni a nessuna data, incluso il Giorno della Vittoria: Il ritmo dell’operazione in Ucraina dipende, in primo luogo, dalla necessità di ridurre al minimo i rischi per la popolazione civile, ed il personale militare russo”.

Russia, Lavrov: “Guerra nucleare? non sottovalutarne il rischio”

Il ministro degli esteri russo, ospite su Rete4: “Io sono stato travisato mai fermati sforzi per non arrivare alla guerra nucleare. Ma non sottovalutarne il rischio”, così Sergej Lavrov, che ha aggiunto: “Abbiamo le armi ultrasoniche che sono state elaborate perché i missili degli Stati Uniti saranno rivolti, non contro la Corea del Nord ma contro la Russia”. “Noi – ha aggiunto – eravamo pronti a parlare con gli Usa per un nuovo accordo sulla stabilità strategica, ma la controparte americana ha interrotto i negoziati”.

Ucraina, Lavrov: “Pagate il gas in rubli perché ci avete rubato euro”

I Paesi europei importatori del gas russo come l’Italia, devono pagarlo in rubli perché hanno rubato a Mosca le sue riserve valutarie in dollari, ed euro, depositate presso le banche europee imponendo un congelamento nell’ambito delle sanzioni”. Così il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, intervistato su Rete 4. “Voi pagherete comunque nella valuta prevista dai contratti – ha aggiunto – ma le forniture verranno considerate pagate quando queste somme saranno state convertite in rubli, che non possono essere rubati, per gli acquirenti non cambierà nulla, pagheranno stesse somme previste dai contratti”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui