G7: proseguiremo nell’assistenza militare all’Ucraina

0
1418
Pubblicità

“Il G7 ha rassicurato il presidente Zelensky della nostra continua disponibilità ad assumere ulteriori impegni per aiutare l’Ucraina a garantire il suo futuro libero e democratico, in modo tale che l’Ucraina possa difendersi ora e scoraggiare futuri atti di aggressione. A tal fine, perseguiremo la nostra continua assistenza militare e di difesa alle forze armate ucraine, continueremo a sostenere l’Ucraina nella difesa delle sue reti contro gli incidenti informatici ed espanderemo la nostra cooperazione, anche in materia di sicurezza delle informazioni. Continueremo a sostenere l’Ucraina nell’aumentare la sua sicurezza economica ed energetica”. Così il comunicato diffuso dalla Casa Bianca al termine del G7 virtuale sull’Ucraina.

Pubblicità

La dichiarazione finale del G7: Putin non deve vincere la guerra

“Restiamo uniti nella nostra decisione che il presidente Putin non deve vincere questa guerra contro l’Ucraina. Lo dobbiamo alla memoria di quelli che hanno combattuto per la libertà nella Seconda guerra mondiale, continuare a combattere per essa oggi, per il popolo dell’Ucraina, dell’Europa e della comunità globale”: è quanto si legge nella conclusione della dichiarazione finale della video call tra i leader del G7, che si sono impegnati ad aumentare i costi per Putin con nuove sanzioni o inasprendo quelle già esistenti.

Draghi al G7: avanti con il sesto pacchetto di sanzioni. Fare ogni sforzo per il cessate il fuoco

“Dobbiamo continuare a sostenere l’Ucraina” e “dobbiamo andare avanti con il sesto pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi alla videoconferenza dei leader del G7. Draghi ha poi ribadito l’importanza di uno stretto coordinamento per perseguire la pace promuovendo un immediato cessate il fuoco e negoziati credibili. “Dobbiamo fare ogni sforzo per aiutare a raggiungere quanto prima un cessate il fuoco e per dare nuovo slancio ai negoziati di pace”, ha detto il premier, “il nostro impegno e la nostra unità sono essenziali”.

Zelensky al G7: “L’obiettivo è il ritiro completo dei russi”

Le azioni di Putin in Ucraina rappresentano “una vergogna” per la Russia e per il suo popolo. Lo si legge nella dichiarazione del G7 dopo il vertice in videoconferenza con il leader ucraino Zelensky. L’unico risultato sarà far crescee “l’isolamento economico della Russia”. Zelesky nel suo intervento ha detto: “L’obiettivo è il ritiro completo dei russi”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui