Putin: in Ucraina armi batteriologiche vicino confini

0
4139
Pubblicità

Durante “l’operazione militare speciale in Ucraina”, la Russia ha ottenuto prove che dimostrano l’esistenza di laboratori per sviluppare armi batteriologiche vicino ai propri confini. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin.

Pubblicità

Putin: Ucraina trasforma in eroi nazionali i suoi nazisti

“Ci sono estremisti in tutti i Paesi,eppure l’Ucraina ha fatto dei suoi nazisti degli eroi nazionali”. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin citato dall’agenzia russa Tass. “Il neonazismo rampante è stato osservato da tempo in Ucraina, l’Occidente chiude un occhio su questo”, ha aggiunto

Peskov, ‘Europa non sarà più forte con Svezia e Finlandia in Nato’

L’ingresso della Finlandia e della Svezia nella Nato non rafforzerà in alcun modo l’Europa. Ne è convinto il portavoce del Cremlino Dmytro Peskov, che ha spiegato che la Russia segue da vicino le richieste di adesione all’Alleanza Atlantica di Svezia e Finlandia. I due Paesi, sostiene, sono stati guidati in questa scelta dagli Stati Uniti.

Peskov: “Stranieri ad Azovstal? Chiedete a min. Difesa”

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, non ha risposto e reindirizzato ai militari la domanda se, presumibilmente bloccati nello stabilimento di Azovstal, a Mariupol, ci siano anche istruttori militari e ufficiali di intelligence di Paesi stranieri. “Non posso in alcun modo giudicare quanto sia vero quello che scrivono i media. Penso che questo sia un tema assolutamente proprio dei nostri militari, che stanno affrontando questo problema”. I giornalisti hanno chiesto se il presidente Vladimir Putin fosse consapevole della presenza di stranieri sui terreni di Azovstal quando ha bloccato l’assalto alle acciaierie. Peskov ha osservato che l’ordine e’ stato dato sulla base di considerazioni “umanitarie”.

Mosca, “guerra per procura Occidente è tattica criminale”

Il primo vice rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Dmitry Polyansky, ha dichiarato oggi che la guerra indiretta in Ucraina da parte dell’Occidente non dovrebbe impedire alla Russia di completare l’operazione militare speciale e di adempiere ai suoi compiti. Lo riporta l’agenzia russa Tass. Il diplomatico ha definito una tattica criminale quella dell’Occidente di condurre una “guerra per procura” in Ucraina. “Penso che questo non dovrebbe impedirci di completare la nostra operazione speciale in Ucraina e di raggiungere gli obiettivi prefissati”, ha detto durante una trasmissione di Channel One. “Non abbiamo altra via d’uscita, la nostra causa e’ giusta e naturalmente vinceremo”, ha concluso.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui