Putin: pronti a riprendere dialogo con Kiev

0
2602
Pubblicità

Putin ha anche parlato con Macron e Scholz del lavoro di quello che i russi stanno facendo per riportare “una vita pacifica” nel Donbass: “Il presidente russo ha informato nel dettaglio sugli ultimi sviluppi dell’operazione militare speciale, rilevando che le forze armate russe osservano rigorosamente le norme del diritto internazionale umanitario; e ha riferito di come è organizzato il lavoro sistematico per stabilire una vita pacifica a Mariupol e nelle altre città liberate del Donbass”. Infine il capo del Cremlino ha detto a Macron e Scholz che “la tensione nel mercato alimentare ridurrà l’offerta di prodotti agricoli da parte della Federazione Russa e dunque che le sanzioni dovrebbero essere revocate; ma ha assicurato che la Federazione Russa è pronta a cercare modi per non ostacolare l’esportazione di grano, anche dai porti del Mar Nero”.

Pubblicità

Putin a Macron e Scholz: pronti a soluzione export grano

Il presidente russo Vladimir Putin ha discusso della situazione in Ucraina con il presidente francese Emmanuel Macron e con il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Lo fa sapere il Cremlino, precisando che il leader russo ha spiegato che la Russia è pronta a facilitare soluzioni per l’esportazione senza ostacoli del grano. incluso quello ucraino, dai porti sul Mar Nero.

Putin: basta armi a Kiev, si rischia di creare ulteriore destabilizzazione

“La fornitura di armi all’Ucraina da parte dell’Occidente rischia di creare una ulteriore destabilizzazione”: lo afferma il presidente russo Vladimir Putin.

Duma: “Sanzioni sconsiderate, carestie entro fine anno”

Le sanzioni contro la Russia “sono state sconsiderate”: lo ha ripetuto, in un messaggio sul suo account su Telegram, il presidente della Duma, Vyacheslav Volodin. Secondo Volodin, le sanzioni, “prima di tutto hanno colpito quei Paesi che già avevano problemi con il cibo: hanno portato ad un aumento dei prezzi del grano dappertutto, compresi i Paesi europei. Tutto questo può provocare carestie in molte aree del mondo alla fine di quest’anno”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui