Quasi un italiano su due boccia il Governo. E cresce il giudizio negativo su Draghi

0
2200
draghi
Pubblicità

(Agenzia DIRE) Cresce il giudizio negativo sull’operato del governo: quasi un italiano su due boccia l’esecutivo Draghi. È quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato il 30 giugno e il primo luglio su un campione di mille persone. Il 49,5% (+0,6%) degli intervistati esprime un giudizio negativo, contro il 46% (-0,2%) di chi invece promuove il governo.

Pubblicità

CRESCE GIUDIZIO NEGATIVO SU DRAGHI

Crescono anche i giudizi negativi sull’operato del presidente del Consiglio Mario Draghi e, contemporaneamente, calano i giudizi positivi. Il 52,3% (-0,3%) degli intervistati esprime un giudizio positivo, mentre per il 42,2% (+0,5%) l’operato di Draghi è negativo, un dato in crescita.

FDI PRIMO PARTITO, PD IN LIEVE CALO

Fratelli d’Italia si conferma il primo partito italiano, stabile al 23,3%. Lieve calo per il Pd, che perde lo 0,1 e si ferma al 22,8%. Scende la Lega, risalgono Forza Italia e M5S: è un altro dei dati che emergono dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato il 30 giugno e il primo luglio su un campione di mille persone.

La Lega perde lo 0,2 scendendo al al 14,7%. Guadagnano lo 0,1% sia Fi che M5S: gli azzurri salgono al 10%, il partito di Conte al 9,4. Tra i piccoli calano Azione (-0,1), scesa al 5,2%; Europa Verde al 2,2% (-0,1); Sinistra Italiana al 2,1% (-0,1). Crescono, invece, Italia Viva e Italexit. Il partito di Renzi guadagna lo 0,2 e sale al 2,9%; quello di Paragone è al 2,6% (+0,1).

CONTINUA A CRESCERE IL CENTRO

Continua a crescere il peso elettorale del centro, segno positivo anche per il centrosinistra (seppur solo dello 0,1%), mentre si indebolisce la coalizione del centrodestra. Al centro crescono infatti i consensi di Azione di Carlo Calenda e Italia Viva di Matteo Renzi: insieme arrivano all’8,1% (+0,1).
Il centrodestra (Fdi, Lega, Fi, Udc, Coraggio Italia) con un -0,1% scende al 49,2%. Il centrosinistra (Pd, M5S,
Europa Verde e Articolo1) è 36,4%.

AUMENTA SFIDUCIA ITALIANI SU ECONOMIA

Per il 55,5% degli italiani (+0,2% rispetto all’ultima rilevazione) il clima economico in Italia è destinato a peggiorare nei prossimi mesi. Solo il 13,4% (+0,2%) si dice ottimista, mentre cala il numero di intervistati che prevede una situazione economica stabile: è il 31,1% (-0,4%).

Pubblicità

1 commento

  1. Purtroppo penso che per il nostro paese draghi sia più un danno che un beneficio se se né andasse sarei contenta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui