Von der Leyen: ‘Dobbiamo prepararci a un’interruzione completa della fornitura da parte della Russia’

0
5778
Pubblicità

“Dobbiamo prepararci a ulteriori interruzioni delle forniture di gas, persino a un’interruzione completa della fornitura da parte della Russia”.

Pubblicità

Lo ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen parlando alla Plenaria dell’Eurocamera.

“Oggi, complessivamente, 12 Stati membri sono direttamente interessati da riduzioni parziali o totali della fornitura di gas. È evidente: Putin continua a usare l’energia come un’arma. Per questo la Commissione sta lavorando a un piano di emergenza europeo. Presenteremo questo piano e gli strumenti necessari entro la metà di luglio”.

“Dobbiamo ripensare a come organizzare la crescita in un contesto politico ed economico stravolto,” ha aggiunto. Prendiamo le regole della governance economica. Abbiamo bisogno di regole che concilino le nostre esigenze di investimenti con la necessità di sane politiche fiscali. Presenteremo i risultati della nostra valutazione della governance economica sotto la presidenza ceca”, ha detto ancora.

“Stiamo diversificando le nostre fonti, allontanandoci dalla Russia. Da marzo, le esportazioni globali di Gnl verso Europa sono aumentate del 75% rispetto al 2021. Allo stesso tempo, l’importazione media mensile di gas russo via gasdotto è in forte calo del 33% rispetto all’anno scorso. Rispetto allo scorso anno. Stiamo quindi facendo progressi. Ma tutto questo funzionerà solo se accelereremo la nostra transizione verso le rinnovabili”. “Il cambiamento climatico non aspetterà la fine della guerra di Putin”, ha spiegato alla presenza del premier ceco, Petr Fiala.

Ritornando sulle conclusioni della conferenza di Lugano la numero uno della Commissione Europea ribadisce l’impegno per la ricostruzione dell’Ucraina “Per la ricostruzione abbiamo bisogno del meglio. Ecco perché, insieme alla Presidenza tedesca del G7, convocheremo una conferenza ad alto livello dopo l’estate. Mai prima d’ora abbiamo affrontato una sfida di ricostruzione così colossale”. “E mentre lavoriamo in questi giorni per aiutare l’Ucraina in questa guerra, dobbiamo anche assicurarci che l’Ucraina vinca la pace che verrà”, ha rimarcato.

“Dobbiamo ripensare a come organizzare la crescita in un contesto politico ed economico stravolto. Prendiamo le regole della governance economica. Abbiamo bisogno di regole che concilino le nostre esigenze di investimenti con la necessità di sane politiche fiscali. Infatti, la sostenibilità fiscale e e crescita vanno necessariamente di pari passo. Presenteremo i risultati della nostra valutazione della governance economica sotto la presidenza ceca”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui