Virus, Bassetti: «Stiamo commettendo un grave errore»

1
4583
Pubblicità

`I ricoveri Covid di questi giorni? Vanno divisi i ricoveri “con” e “per” Covid. Io ho ricoverato un 84enne e un 92enne che sono entrati per un quadro respiratorio che in epoca pre-Covid avremmo gestito a casa. Ora finiscono tutti in ospedale. La gente ha paura: fa un tampone risulta positiva e pensa di avere una infezione che li farà morire. Corrono tutti in ospedale. Prima venivano gestiti a casa».

Pubblicità

Così su Facebook Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova.

«C’è un errore di confronto enorme con il passato: è cambiato completamente il paradigma di come viene gestito un paziente con febbre o pochi sintomi. Tutti i soggetti più a rischio vengono gestiti ora in ospedale.

Stiamo commettendo un grave errore», conclude.

Concerto Maneskin, Bassetti: «Ecco ci risiamo. Pronti a puntare il dito contro i giovani»

«Ecco ci risiamo. Pronti a puntare il dito contro i giovani. Secondo alcuni medici di famiglia infatti, il concerto dei Maneskin in programma al Circo Massimo dovrebbe essere rinviato o cancellato per il rischio di contagio. Non credo che sia possibile rinviare i concerti, c’è una super circolazione e diffusione di questa variante che fortunatamente, grazie alla grandissima campagna vaccinale, che abbiamo fatto non sta producendo un impatto clinico significativo. E’ chiaro che sa­rebbe meglio che le persone che vanno al concerto si mettessero la mascherina, ma naturalmente diventa difficile con 35, 37, 40 gradi. Chi va in genere al concerto dei Maneskin? Nonni 80enni o zie centenarie? Ci vanno i giovani che dovrebbero fare attenzione e proteggersi, ma che se si contagiano hanno forme molto leggere che durano 2-3 giorni. Dobbiamo quindi cambiare la comunicazione sugli anziani e sui fragili perché a mio parere hanno interpretato male il messaggio sulle mascherine: levare l’ob­bligo non equivale all’obbligo di non utilizzarla. L’altro giorno mi trovavo in un aeroporto e la cosa paradossale è che vedevo persone anche molto gio­vani con la mascherina e per­sone con i capelli bianchi a volto scoperto».

Così su Facebook Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova

«Mi pare onestamente una cosa senza senso chiedere di
rinviare i concerti. Questa variante circola in maniera piuttosto ampia e sta contri­buendo anche alla crescita dell’immunità naturale, cosa che ci aiuterà a prepararci all’inverno, un evento all’a­perto ovviamente prevede che le persone stiamo vicine ma certamente non è diver­so da un aperitivo sul lungomare o sui Navigli. E uno potrebbe chiedersi perché dire no al con­certo dei Maneskin e invece sì a una partita di calcio o a un comizio elettorale», conclude.

Pubblicità

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui