Cardini: «Spero che a Meloni non venga in mente di andare a palazzo Chigi: ha un partito pessimo, con una classe dirigente di infimo livello»

0
3512
Pubblicità

«Spero che a Giorgia non venga in mente di andare a palazzo Chigi. Se devo dirla tutta, confiderei che Fratelli d’Italia non si aggiudichi il primato di partito più votato. Sarebbe una sciagura, vedo ombre all’orizzonte».

Pubblicità

Lo ha detto in un’intervista al ‘Fatto Quotidiano’ lo storico Franco Cardini, che militò nel Movimento sociale italiano.

«La mia militanza nell’Msi inizia nel 1956 e termina nel 1965. Siamo nel cuore profondo del secolo scorso. Nessuna altra affinità. E poi sono un uomo di destra indisciplinato», ha raccontato.

Lo storico ha detto di stimare la leader di FdI e di essere suo amico. Ma se la stima perché si augura che perda? «Perché le voglio bene. Riconosco la sua tenacia, la rispettabilità, anche la moralità alla quale ispira il suo impegno politico così appassionato. Ma ha un partito pessimo, con una classe dirigente di infimo livello, inguardabile. E se corre troppo, se pensa che sia giunto il momento di fare il gran passo verso il governo, corre un grave pericolo», ha risposto.

Di questo Cardini ne aveva già parlato nei mesi scorsi in un’intervista a ‘Repubblica’: Giorgia Meloni «è bravissima, ma la sua classe dirigente e il suo staff sono, salvo eccezioni, poco affidabili. Diciamolo pure: è sprecata in quel partito,» aveva detto.

Cardini aveva parlato con ‘Repubblica’ della vicenda legata al servizio di Fanpage trasmesso da Piazzapulita su presunti finanziamenti illeciti a FdI e la vicinanza di alcuni esponenti del partito a contesti razzisti e antisemiti.

Dalle immagini trasmesse dal programma di La7, secondo lo storico, emerge che l’eredità fascista non è stata, «né sufficientemente elaborata, né criticamente affrontata». Il che avrà conseguenze devastanti sulla stessa Giorgia Meloni. Cardini ha infatti osservato: «Temo che non possa diventare premier. All’indomani della sua vittoria alle politiche comparirebbe subito una svastica sulla sinagoga di Roma, l’Anpi e i centri sociali insorgerebbero, e a quel punto sarebbe costretta a fare un passo indietro. Giorgia mi ha scritto una mail per dirmi che però sottovaluto il suo partito».

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui