Elezioni, Conte: incomprensibile che Draghi demonizzi superbonus

0
2278
Pubblicità

“Oggi c’è il Sole 24 ore, che è un giornale di solito non tenero con il Movimento 5 stelle, che titola ‘Fisco boom con il superbonus’. Significa che tramite il superbonus 110% sono entrate nelle casse dello Stato solo in questi primi sei mesi almeno 4 miliardi, utilissimi per sostenere famiglie e imprese”. Lo dice il leader del M5s Giuseppe Conte, in un video sulla sua pagina Facebook. “E non dimentichiamo che quel 6,6% in più di Pil che abbiamo fatto nel 2021 è in buona parte dovuto al superbonus. Non dimentichiamo – continua – i 630mila nuovi occupati nel settore delle costruzioni e quegli indotti collegati, non dimentichiamo mezzo milione di famiglie con redditi medi e bassi che hanno risparmiato fino a 500 euro medi l’anno e poi la tutela dell’ambiente, un taglio significativo delle emissioni di CO2, quindi clima alteranti”.

Pubblicità

Silvestri (M5s): “Pd dice di volere salario minimo, ma alleata Gelmini contraria”

“Ecco cosa succede quando si mette insieme tutto e il suo contrario. Da una parte la neo calendiana Mariastella Gelmini, che non più tardi di tre mesi fa chiudeva seccamente all’ipotesi di introdurre il salario minimo in Italia, dall’altra Andrea Orlando del Pd, che invece, almeno a parole, si dice a favore”. Lo afferma in una nota il capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera, Francesco Silvestri.
“A chi devono credere i cittadini, caro Enrico Letta? Dove pensate di andare con questa grande ammucchiata? Basta prese in giro: mai come adesso c’è bisogno di proposte serie e credibili. Sul salario minimo – aggiunge – la nostra è chiara a tutti da tempo: fissare un minimo di 9 euro lordi l’ora per mettere fine a stipendi da fame che umiliano oltre 4 milioni di lavoratrici e lavoratori. Un obiettivo che, come tanti altri, avremmo centrato in questa legislatura se non avessimo trovato l’opposizione di tutti, compresi i dem. È questa la differenza fra chi sta dalla parte dei lavoratori con i fatti e chi invece fa solo chiacchiere”.

Elezioni, Conte potrà indicare criteri per formazione liste

Il Movimento 5 stelle dà il via alle parlamentarie, con la presentazione da parte degli iscritti delle autocandidature. Tuttavia, si legge nel post sul sito ufficiale del Movimento 5 stelle, si riconosce al leader Giuseppe Conte “la facoltà del Presidente di indicare modalita’ e i criteri per la formazione delle liste di candidati”.

Elezioni: al via ‘parlamentarie’ M5S dal 5 all’8 agosto

Al via le ‘parlamentarie’ M5S, ovvero la selezione dei candidati alle politiche dal basso. “L’invio delle proposte di autocandidatura – si legge sul sito del Movimento – sarà possibile dalle ore 14 di venerdì 5 agosto alle ore 14 di lunedì 8 agosto”.

Conte ironico su Twitter: “D’accordo con Calenda, ammucchiata presa in giro italiani”

“Per una volta sono d’accordo con Calenda”. Così il presidente del M5S Giuseppe Conte su Twitter, dove pubblica un ‘cinguettio’ del leader di Azione – risalente al 22 luglio scorso – in cui Calenda parlava di ‘cartelli elettorali che vanno dall’estrema sinistra a Di Maio’ come ‘prese in giro degli elettori’ e ‘garanzia di ingovernabilità’.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui