Conte contro Borrelli a La7: “Lei è una fautrice del governo Draghi però io messo in campo 130 miliardi con 5 scostamenti di bilancio, per aiutare famiglie e imprese colpite dalla pandemia”

0
7283
Pubblicità

Botta e risposta durante la trasmissione “La corsa al voto” (La7) tra il leader del M5s, Giuseppe Conte, e i giornalisti Silvia Sciorilli Borrelli e Alessandro De Angelis sulla mancata fiducia del M5S al governo Draghi.

Pubblicità

Secondo Borrelli, Draghi col Dl Aiuti è venuto incontro ai 5Stelle e ai 9 punti dell’agenda sociale da loro presentata al premier, ma Conte non è d’accordo: “Se ci ritroviamo in queste condizioni, è perché il governo non ha risposto. E certamente la risposta non può essere l’offerta di 6 euro lordi al mese in più: con 6 euro lordi in più un lavoratore a basso reddito ci paga forse la colazione“, ha spiegato.

La giornalista ha ricordato a Conte che i due Decreti Aiuti prevedono 35 miliardi di aiuti per famiglie e imprese senza scostamento di bilancio.

“Io so che lei è una fautrice del governo Draghi però io messo in campo 130 miliardi con 5 scostamenti di bilancio, per aiutare famiglie e imprese colpite dalla pandemia. E ho lasciato lo spread sotto 100, mentre adesso senza lo scostamento di bilancio abbiamo toccato addirittura 250“, ha ribattuto Conte.

Borrelli non ha gradito di essere definita “fautrice del governo Draghi” e ha detto a Conte di aver dimostrato di essere irresponsabile per non aver votato la fiducia all’esecutivo.

Conte ha replicato: “Se Draghi si presenta in Senato e di fronte a 50mila aziende che stanno sull’orlo del fallimento dice tutto il male possibile sul Superbonus, che peraltro ha contribuito al 6,6% di Pil, attaccandolo duramente senza possibilità di soluzione, allora non può avere la nostra fiducia e il nostro consenso. E se lo stesso Draghi, dopo aver governato per 18 mesi e aver posto 10-11 modifiche al testo, sostiene che quella norma è scritta male se ne deve assumere le responsabilità“.

De Angelis ha preso la parola per dire che Draghi ha tagliato il cuneo fiscale e il capo del M5s ha ribattuto: “Il cuneo fiscale sarebbe 6 euro lordi al mese? Legga meglio, nel testo c’è scritto ‘colazione al bar la domenica mattina’? Forse non l’hanno scritto, ma è così. E vogliamo dire che anche la norma sugli extraprofitti è stato un fallimento? Vogliamo dire che ancora oggi non sono riusciti a scrivere bene quella norma?”.

“Ma Draghi su questo è stato durissimo”, ha osservato il conduttore Paolo Celata.

“Draghi non doveva essere duro, doveva risolvere i problemi”, ha risposto Conte.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui