Elezioni, Conte: “Nuova settimana, nuova alleanza per Calenda”

0
2652
Pubblicità

“Nuova settimana, nuovo cambio di alleanza per Calenda”. Così su Twitter il leader M5S Giuseppe Conte, commentando l’accordo per il Terzo polo trovato da Carlo Calenda e Matteo Renzi in vista delle elezioni del 25 settembre 2022. “Ora è il momento di abbracciare il Rinascimento saudita di Renzi, per provare insieme a trovare un posto in Parlamento. Le emergenze di cittadini e imprese? Un dettaglio secondario”, aggiunge.

Pubblicità

Rosato (Iv): “Terzo polo calamita per elettori delusi”

“Terzo polo punta ad essere calamita di elettori delusi dalla politica, che non si riconoscono più nei partiti di riferimento che sia a destra che a sinistra hanno scelto di schiacciarsi sugli estremismi. Penso al Pd che si è alleato con Fratoianni, che non ha mai votato la fiducia al governo Draghi, ma anche a quel centro destra che ha abdicato alle sue idee moderate per cedere allo strapotere della Meloni”. Così a Zapping il presidente di Italia Viva Ettore Rosato. “Quello tra Italia Viva e Azione è un accordo politico prima che elettorale. Oltre a correre insieme e a fare insieme i gruppi parlamentari, vogliamo costruire qualcosa di duraturo capace di interpretare il bisogno di stabilità che ha l’elettorato italiano: un partito che non cede sul fronte dell’europeismo e dell’atlantismo e che non nulla a che vedere con chi parla alla pancia degli elettori e pretende di risolvere i problemi solo aprendo i rubinetti del debito”, ha osservato il parlamentare.

Letta lancia i “Demoprogressisti”: “Si puo’ vincere”

Il logo del Pd che sormonta la scritta in campo rosso “Italia Democratica e Progressista”. E’ il
simbolo con cui correra’ alle Politiche la lista di centrosinistra voluta dal segretario dem Enrico Letta, che l’ha tenuta a battesimo nel pomeriggio a Roma e che raccoglie piu’ di una forza alleata del Nazareno: ci saranno infatti, oltre al Pd, Articolo Uno, Psi e Demos. Prima di svelare la veste grafica della lista progressista, Letta ha ringraziato tutti quelli che hanno contribuito alla sua costruzione, e soprattutto ha additato un obiettivo ambizioso. “”Nessun destino e’ stato gia’ scritto – ha affermato – insieme siamo in grado di arrivare a essere il 25 settembre la prima lista del paese alle elezioni Politiche”. Secondo Letta, infatti, Questa destra puo’ essere battuta solo dalla lista dei democratici e dei progressisti”, una destra che rischia di portare indietro il Paese, laddove per “indietro” Letta cita il 2011, quando “il governo presieduto da Silvio Berlusconi ha portato al fallimento l’Italia”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui