Travaglio: «Renzi perde la prima causa contro di me: ‘mitomane’ non è diffamazione»

0
2794
Pubblicità

«Il leader di Italia Viva si è ritenuto diffamato da un commento pronunciato durante una trasmissione tv (in risposta a una domanda). Il giudice civile del Tribunale di Firenze ha stabilito che si trattava di legittima critica politica».

Pubblicità

Lo ha reso noto il direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio.

Nell’articolo a firma di Salvatore Cannavò si legge quanto segue:

«La prima sentenza di una lunga serie di cause per diffamazione intentate da Matteo Renzi contro il direttore di questo giornale, Marco Travaglio, si è risolta a favore di quest’ultimo. Renzi non ci era andato leggero reclamando come risarcimento per essere essere stato definito in tv un «mitomane», la somma di 500 mila euro. Il giudice della Seconda sezione civile del Tribunale di Firenze lo scorso 17 agosto ha rigettato la richiesta dando così ragione alla difesa di Travaglio».

Lo scontro tra i due era avvenuto nel corso della trasmissione Otto e Mezzo del 20 febbraio 2020 quando Renzi già manovrava per provocare la caduta del governo Conte (da lui stesso fatto nascere pochi mesi prima). «Tu, oggi, definisci Renzi un mitomane?», chiedeva Gruber con riferimento al medesimo titolo del Fatto quotidiano. E Travaglio: «Sì, è una forma di mitomania molesta che, probabilmente, risale a fattori prepolitici che andrebbero studiati da specialisti clinici. Probabilmente vuole farci pagare colpe ataviche, non so se lo prendevano in giro da bambino, non so se vuole farci pagare il fatto che gli italiani non lo hanno capito e lo hanno bocciato più volte, che il mondo non comprende il suo genio. Sta di fatto che lo spettacolo penoso di ieri sera denota, secondo me, una svolta che non può essere nemmeno definita più uno show, è una cosa penosa. Secondo me per l’igiene della politica bisognerebbe cominciare a fare una specie di silenzio stampa, cioè una moratoria nel continuare a mettere il microfono davanti a una persona che chiaramente non è compos sui, non è in sé».

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui