Bollette, scontro tra commerciante e Cazzola a L’Aria che Tira. «Soldi da governo Draghi? Falso, vergognati». «Ma vada a quel Paese»

1
6427
Pubblicità

Scontro a ‘L’aria che tira’, trasmissione condotta da Myrta Merlino su La7, tra Giuliano Cazzola, ex parlamentare ed ex dirigente sindacale della Cgil, e Mimmo Tarantini, presidente dell’associazione La Formica, che raduna molti commercianti di Bari in protesta contro il caro bollette.

Pubblicità

Cazzola ha esordito difendendo il governo Draghi: «Questo governo in un anno ha stanziato 60 miliardi di aiuti. Saranno andati da qualche parte, saranno stati distribuiti. Forse sarebbe il caso di chiedere a chi lamenta che le bollette sono alte se è riuscito ad avere parte di questi benefici. Sessanta miliardi sono il doppio di questa palla dello scostamento di bilancio che Salvini sta dicendo in giro per l’Italia. E poi non raccontiamoci palle: le banche sono piene di liquidità. È tutta di Berlusconi? Abbiamo liquidità che è il doppio del Pil. Non possiamo raccontare che siamo un Paese alla fame, non è vero. Usciamo da una stagione turistica tra le migliori degli ultimi anni. Se poi guardiamo i dati dell’Istat, scopriamo che le dimissioni dei lavoratori sono superiori ai licenziamenti. Dove sono tutti questi lavoratori licenziati? Abbiamo una situazione economica che ancora tiene».

Tarantini ha ribattuto: «Lei vive in un mondo diverso dal nostro, non ha la percezione di quello che sta succedendo in Italia. Dice che gli italiani non stanno alla fame. Ma stiamo scherzando? Qui non ne possiamo più. Non state uccidendo solo il commercio, ma anche l’Italia e gli italiani. Lei prima ha parlato di 60 miliardi stanziati dal governo. Ma quali aiuti, non ci è arrivato nulla. Basta con le chiacchiere, è arrivato il momento di agire».

Cazzola si è rivolto alla conduttrice dicendi: «Lei non può prendere 10 persone o 10 aziende, dicendo che questa è l’Italia».

Tarantini è insorto: «Si vergogni. Non siamo 10 persone. È l’Italia, vergognati».

Cazzola ha controbattuto: «Le faccio una sfida. Porto qui delle aziende che si lamentano perché non trovano personale e sono costrette a chiudere per questo».

Il commerciante ha replicato: «Non hai il diritto di parlare degli italiani, vergognati».

Cazzola ha chiuso la polemica dicendo: «Ma vada a quel paese. Prenda i soldi che ha nel suo conto corrente».

Pubblicità

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui