Confindustria: “Con gas e inflazione record rischio recessione”

1
1268
Pubblicità

Con il rincaro “record” del prezzo del gas raggiunto ad agosto, a causa dei tagli delle forniture dalla Russia, “la resilienza dell’industria e’ alle corde”. E’ quanto denuncia il Centro studi di Confindustria nella sua ‘Congiuntura flash’ di settembre. Dopo mesi di impatto del caro-energia sui margini, adesso a “soffrire” saranno gli investimenti. Pertanto, denuncia Confindustria, “lo scenario vira al ribasso”, peggiorato da un’inflazione altrettanto “record” che “erode il reddito delle famiglie e minaccia i consumi, protetti (in parte e non per molto ancora) dal risparmio accumulato. La Bce ha risposto a prezzi elevati ed euro debole alzando i tassi, che daranno un ulteriore impulso recessivo.

Pubblicità

Confindustria: “Con caro gas 2023 a rischio fino a 582mila posti”

Se il caro gas dovesse persistere anche nel 2023 in Italia sarebbero a rischio fino a 582 mila posti di lavoro. Lo afferma Confindustria nella Conguntura flash di settembre. In dettaglio, si afferma, sono state condotte due simulazioni econometriche per il prezzo del gas, che rimanga fino a fine 2023: in una si e’ assunto un prezzo di 235 /mwh (il valore medio di agosto), nella seconda di 298 /mwh (il livello medio atteso dai futures). L’impatto per l’economia italiana (rispetto a un dato di partenza in cui il prezzo del gas e’ tenuto fermo alla media dei primi 6 mesi del 2022 di 99 euro) e’ stimato in una minore crescita del Pil del 2,2% e del 3,2% cumulati nel biennio 2022-2023, nei due scenari, e in 383mila e 582mila occupati in meno.

Salvini, per bollette servono soldi subito

“Il problema non e’ politico, la bolletta non e’ politica. Servono soldi subito in attesa che
l’Europa si muova. L’Europa per il momento non si e’ mossa. Temo che non si muovera’ nelle prossime settimane quindi servono soldi subito altrimenti i negozi e le fabbriche chiudono”. Lo ha detto a Catania il leader della Lega Matteo Salvini

Pubblicità

1 commento

  1. verissimo il problema è grave, può diventare drammatico per molti imprenditori, ma domando: possibile che dei veri imprenditori non abbiamo accantonato denaro per fronteggiare nei limiti del possibile problemi, imprevisti, crisi ecc… per salvare le loro aziende? Oppure il 100% dei loro utili li spendono senza porsi il problema?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui