Meloni condanna alla povertà 70 mila persone: la denuncia del M5S Lazio

0
46
meloni
Pubblicità

Giorgia Meloni condanna alla povertà almeno 70 mila persone.

Pubblicità

È l’attacco frontale del Movimento 5 Stelle Lazio contro il governo.

«Sono coloro che, secondo il Governo, sarebbero “occupabili”, vale a dire in grado di lavorare. Purtroppo però non si tiene conto che queste persone spesso il lavoro non lo trovano perché non sono ritenute appetibili per le imprese o sono costrette chiedere il Reddito per integrare stipendi da fame; sono persone che hanno un’occupazione precaria o pagata a 4/5 euro l’ora e per le quali il #redditodicittadinanza segna la differenza tra fare la spesa o no», si legge in un post pubblicato sulla pagina Facebook M5S Lazio.

«La disumana manovra licenziata dal Governo fa cassa sulla pelle dei cittadini più fragili. Nonostante l’aumento vertiginoso del numero di persone che si trovano in una situazione di fragilità economica (sono oltre 600mila persone che nel Lazio vivono al di sotto della soglia di povertà), il Governo ha deciso di fare macelleria sociale, con Meloni che, da novella Robin Hood al contrario, non tocca i redditi alti, accarezza evasori e corrotti, ma toglie ai poveri e a chi ha bisogno», scrivono ancora i 5Stelle.

«Tagliando questa misura essenziale di protezione sociale, solo nel Lazio, saranno 70mila le persone che si troveranno private dei mezzi per poter mettere ogni giorno in tavola un pasto caldo: una barbarie inaccettabile contro cui ci batteremo a testa alta, nelle istituzioni così come nelle piazze», conclude il post.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui