Caso Soumahoro a Propaganda Live: se la toppa è peggiore del buco

1
3408
Pubblicità

Zoro nell’ultima puntata di Propaganda Live affronta il caso Soumahoro dicendo di non voler scaricare il deputato, ma sottolineando di essere inca**ato per le vicende delle borse di lusso e del libro.

Pubblicità

«Stiamo parlando comunque di una persona che hanno incontrato tutti, anche quello più a sinistra di tutti, Papa Francesco. Stiamo parlando di un fenomeno di questa portata…», è la premessa del conduttore.

Dopo aver contribuito, in collaborazione con l’Espresso di Damilano, all’affermazione pubblica del personaggio Soumahoro, Zoro dice: «Non lo stiamo scaricando. Ieri mi continuavano ad arrivare messaggi. Lo abbiamo visto a PiazzaPulita. Ci ha convinto? No! Lui, le borse, i libri… non ci ha convinto. Deve chiarire tante cose! Perché noi siamo incaz***ti più di tutti su questa storia! Siamo inca***ti, delusi, amareggiati, non imbarazzati».

«È stato uno dei pochi che in questo mese l’opposizione nelle parole e nei fatti l’ha fatta, sia contro la Meloni sia sulla questione delle Ong, ma siamo incazzati con lui per le tante cose che deve chiarire a lui e a tutti quelli che portano avanti le lotte che lui ha rappresentato e che sono quelli che da questa storia ci stanno rimettendo e ci rimetteranno più di tutti e che sono, secondo me, il vero bersaglio dell’accanimento che c’è su quello che Aboubakar rappresenta, al di là delle responsabilità che speriamo vengano chiarite ed accertate», aggiunge, evitando in ogni modo l’autocritica.

Pubblicità

1 commento

  1. Ma vi dovete vergognare e non incc***arvi su questo signore. Lo avete innalzato solo perché di colore, sapendo benissimo che chi gestisce e collabora a gestire, i centri accoglienza immigrati si riempe bene le tasche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui