Il sottosegretario Mantovano: «Navi Ong in zona Sar aumentano i rischi di naufragi». I servizi: «Presenza avvantaggia organizzazioni criminali»

1
389

Alfredo Mantovano, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ha dichiarato che la presenza di navi ong in acque Sar può aumentare i rischi per i migranti.

«È un dato oggettivo che non comporta nessuna valutazione di carattere etico nei confronti di appartenenti alle Ong. Se io piazzo delle navi in acque territoriali che non vengono chiamate per specifiche attività di soccorso, cioè per un caso particolare, ma che si collocano in prossimità delle acque territoriali, aumento la probabilità che barchini e imbarcazioni di fortuna partano dalla terraferma nella speranza di trovare queste navi rifugio», ha detto Mantovano dopo le polemiche esplose in seguito alla strage di Crotone.

«Ovviamente l’incremento di queste partenze su imbarcazioni di fortuna aumenta la probabilità di incidenti, naufragi e morti in mare», ha aggiunto il sottosegretario rispondendo a una domanda sulla relazione 2022 per le politiche di sicurezza.

Nel frattempo, anche i servizi hanno lanciato l’allarme, avvertendo la presenza di imbarcazioni di soccorso in acque Sar avvantaggia le organizzazioni criminali.

Come riportato dall’Agenzia DIRE, i servizi nella relazione 2022 sulle politiche per la sicurezza, hanno spiegato a proposito delle attività di soccorso in mare (Sar) nel Mediterraneo: «Sebbene nel corso del 2022 l’incremento più significativo dell’attività di soccorso in mare abbia riguardato le operazioni del Dispositivo Istituzionale (ad esempio Frontex, Guardia Costiera, Guardia di finanza) si registra anche l’aumento del soccorso in mare effettuato dalle navi Ong, principalmente in area Sar libica».

«Le attività Sar vengono spesso pubblicizzate sui social network dai facilitatori dell’immigrazione irregolare quale garanzia di maggiore sicurezza del viaggio verso l’Europa. In tale contesto, la presenza di navigli Sar, infatti, rappresenta un vantaggio logistico per le organizzazioni criminali che gestiscono il traffico dei migranti, permettendo loro di adeguare il modus operandi in funzione della possibilità di ridurre la qualità delle imbarcazioni utilizzate, aumentando correlativamente i profitti illeciti, ma esponendo a più concreto rischio di naufragio le persone imbarcate», si legge nella relazione dei servizi.

Inoltre, l’immigrazione irregolare è un fenomeno «marcatamente agevolato da un attivismo criminale – di natura associativa o individuale – presente su tutte le rotte migratorie, in grado di creare un ingente indotto economico che rende le relative attività di prevenzione e contrasto più ardue». La relazione fa sapere anche che «le attuali aree di crisi umanitaria e di instabilità socio-politica continuano a spingere un notevole numero di persone a emigrare alla ricerca di migliori condizioni di vita».

Nel resoconto dei servizi si legge poi che «nel 2022 l’immigrazione irregolare verso l’Italia è stata caratterizzata rispetto all’anno precedente da un marcato aumento dei flussi su tutte le rotte marittime e terrestri. Il nostro Paese, in linea con gli anni precedenti, continua a rivelarsi la principale porta d’ingresso e transito dei migranti irregolari nell’Unione europea».

1 COMMENT

  1. vista la rotta domandatevi perché non hanno attraccato in Grecia = UE ma direttamente in Italia, moltiplicandone i rischi per passeggeri e scafisti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here