Di Maio contro Grasso: ‘Nulla da imparare dal suo partito che prendeva soldi da business immigrati’

0
1
di-maio-grasso
Pubblicità

È scontro tra Luigi Di Maio e il presidente del Senato Pietro Grasso.

Pubblicità

Il deputato 5 Stelle ha criticato quest’ultimo e la presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini accusandoli di sostenere il governo nella “crociata” contro il procuratore Carmelo Zuccaro, che ha svelato i presunti contatti tra ONG e scafisti.

Di seguito il post di Di Maio:

“VI SIETE CHIESTI COME MAI SI ACCANISCONO COSÌ TANTO CONTRO ZUCCARO?

Il Governo ha iniziato una crociata contro il Procuratore di Catania Zuccaro e ha chiesto di farsi spalleggiare dai due Presidenti delle Camere – Boldrini e Grasso – che dovrebbero essere due cariche al di sopra delle parti e che invece hanno deciso di prendere parte alla fiera dell’ipocrisia sulle ONG. Da queste persone non accetto lezioncine sulla responsabilità delle cariche istituzionali!

La ridicola indignazione di questi giorni la ricordo, è la stessa di due anni fa, quando attaccavamo le cooperative che facevano business sull’immigrazione.

Poi hanno dovuto chiederci scusa perché avevamo ragione. Faranno lo stesso sullo scandalo ONG. Vedrete.
Perché la politica sta attaccando Zuccaro?

Forse perché sta indagando sul CARA di Mineo? Il serbatoio di voti dei partiti siciliani e non solo”.

Non si è fatta attendere la replica di Grasso, che, sempre su Facebook, ha replicato al deputato del M5S:

“Nessuno – il Governo, un blog o una impresa privata – ha mai nemmeno provato a suggerirmi cosa pensare o dire. Anni di magistratura mi hanno insegnato abbastanza per avere una opinione fondata sui temi della giustizia, delle indagini, e di quando è opportuno che un procuratore parli delle sue informazioni, se suffragate da solidi elementi probatori. Caro Luigi Di Maio, sei giovane, ma faresti bene a ricordarti che a tutte le età si può e deve imparare. Hai già dimostrato più volte di avere grosse lacune in storia, geografia e diritto: qualche lezione ti sarebbe utile”.

Di Maio ha ribattuto su Twitter ricordando a Grasso il coinvolgimento del Pd nel business dell’immigrazione:

“Nulla da imparare dal suo partito che prendeva soldi da business immigrati. Anni di magistratura e le è sfuggito? #lacune”

Qualche minuto dopo il vicepresidente della Camera ha poi aggiunto su Facebook:

“CONTINUANO GLI ATTACCHI. Il Presidente del Senato Grasso dice che sul caso ONG ho qualche lacuna e ho bisogno di qualche lezione.
Caro Grasso, io non smetto mai di imparare nella vita, ma dal suo partito che prendeva soldi dal business degli immigrati non ho proprio nulla da apprendere.
Anni e anni di magistratura eppure le è sfuggito. #lacune”

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui